Ravello: tesoro patrimonio mondiale Unesco

Ravello: tesoro patrimonio mondiale Unesco
La città della musica ed iscritta al patrimonio mondiale Unesco, Ravello è una delle mete più affascinanti della "Divina" Costiera Amalfitana.

Ravello è una delle perle autentiche della Costiera Amalfitana, situata nell’entroterra tra Minori ed Amalfi. Come tutte le mete della “Divina Costiera”, così soprannominata grazie alla presenza di numerose figure del jet set mondiale, anche Ravello merita di essere vissuta piuttosto che visitata. Gli scorci unici, il profumo inebriante dei limoneti, il calore del sole e il colore dei magici giardini rendono Ravello un tesoro patrimonio mondiale Unesco.

Ravello: tesoro patrimonio mondiale Unesco

Il duomo

Il Duomo di Ravello risale all’XI secolo. Nella cappella seicentesca è custodita l’ampolla del sangue del Santo patrono Pantaleone, che presenta l’annuale fenomeno della liquefazione. Al Duomo è annesso il Museo dell’Opera, nella cripta della chiesa, che raccoglie urne cinerarie romane, reliquiari della prima epoca cristiana e antichi manufatti. Tra questi il famoso busto di Sigilgaita Rufolo, opera di Nicola Di Bartolomeo da Foggia.

Villa Rufolo

Villa Rufolo è senza alcun dubbio il gioiello per eccellenza di Ravello. Fu il luogo di rifugio e meditazione nel 1880 per il celebre musicista Richard Wagner che rimase incantato dalla bellezza dell’edificio e dei suoi giardini. L’associazione del nome di Wagner con Villa Rufolo portò così alla realizzazione di concerti ed eventi musicali. Sin dagli anni ’30 del Novecento, furono molte le esibizioni, soprattutto dell’Orchestra del Teatro di San Carlo di Napoli. Mentre nel 1953, in occasione dei 70 anni dalla morte di Wagner, grazie al contributo di Girolamo Bottiglieri e Paolo Caruso, nacquero “I Concerti Wagneriani nei Giardini di Klingsor”. Ripresi poi dalla Fondazione Ravello nel 2003 e trasformati nell’odierno Ravello Festival, uno dei festival italiani di musica più famosi d’Italia. Ecco perchè Ravello si è così guadagnata l’etichetta di “Città della Musica”.

Ravello: tesoro patrimonio mondiale Unesco

Villa Cimbrone

Altra villa storica e di particolare fascino è Villa Cimbrone che con il suo belvedere, la “Terrazza dell’infinito” lascia migliaia di turisti ed ospiti letteralmente a bocca aperta. La villa è infatti visitabile per tutti i turisti nella parte del giardino, mentre la struttura ospita oggi un lussuoso albergo, meta tra l’altro di numerosi matrimoni da sogno. Ravello ha in questi decenni sviluppato anche un wedding tourism di altissimo profilo con migliaia di coppie e i loro ospiti, provenienti da ogni parte del Mondo, che decidono di celebrare il giorno del fatidico SI’. Ed è per questo che può essere considerata come una delle regine delle nostre “Local Stories”.

Sul sito del Comune c’è un’area dedicata proprio per la celebrazione dei matrimoni con tutte le informazioni sia per il rito civile che per quello religioso. Ecco il link: http://www.comune.ravello.sa.it/2018/matrimoni/

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on telegram